0

Come funziona la privacy con le App di messaggistica istantanea?

Le App di messaggistica istantanea hanno oramai soppiantato gli “antichi” SMS, ma siamo davvero a conoscenza di come funziona la privacy delle nostre comunicazioni?

Milioni di messaggi al secondo sono inviati tramite le note App di messaggistica sempre più di frequentemente utilizzate (whatsapp, telegram, instagram, facebook messenger), sia per uso personale che professionale.
Dunque, molto gravi possono essere i rischi legati alla privacy a cui si può andare incontro; basti pensare al furto di informazioni di personaggi famosi, come quello riportato nel gennaio 2020 dal giornale inglese “The Guardian” che ha pubblicato i risultati di un’indagine su un attacco hacker ai danni del fondatore e CEO di Amazon Jeff Bezos colpito, nel maggio 2018, da un malware inviato dal principe dell’Arabia Saudita Mohammed tramite un semplice messaggio di WhatsApp.
Citare un esempio di tale calibro fa immediatamente intendere come sia semplice ledere la sicurezza delle nostre comunicazioni.

In che modo le App di messaggistica istantanea possono garantire la nostra riservatezza?

Uno dei sistemi più efficaci per salvaguardare la riservatezza degli utenti è l’utilizzo della crittografia end-to-end (E2E), ossia un sistema di comunicazione cifrata basato sulla generazione di una coppia di chiavi crittografiche, una “privata” ed una “pubblica”, che consentono di cifrare e decifrare i messaggi in partenza ed in arrivo in modo che risultino leggibili solo dal mittente e dal destinatario.

Ma tutte le App di messaggistica istantanea usano la crittografia end-to-end?

Oggi tutte le App di messaggistica istantanea impostano di default la crittografia end-to-end, ad eccezione di Telegram e di Facebook Messenger.
In queste applicazioni, infatti, la crittografia E2E deve essere abilitata dall’utente, attivando l’opzione “chat segrete” (per Telegram) o “conversazioni segrete” (per FB Messenger).
Dunque, se non si utilizza una chat segreta, i dati vengono salvati sui rispettivi server con un’evidente compromissione della sicurezza dei dati personali.
Di contro, altre famosissime App, come WhatsApp, pur adottando la crittografia end-to-end quale impostazione predefinita, presentano altre gravi inefficienze per quanto attiene, ad esempio, la conservazione dei cosiddetti metadati dei messaggi che sono memorizzati sui server in forma non cifrata.

Non esiste, dunque, un App sicura?

È davvero difficile trovare un App completamente sicura e la ragione è da ricercarsi nella natura stessa del web, universo fluido ed impossibile da governare nella sua totalità.
Tuttavia, ad opinione dei principali esperti di cybersecurity, una delle applicazioni più sicure è Signal che utilizza un protocollo di crittografia E2E (il Signal Encryption Protocol) considerato tra i migliori.
A differenza delle altre App di messaggistica, Signal garantisce un livello di privacy e sicurezza superiore in quanto:
– memorizza solo i metadati strettamente necessari per il suo funzionamento senza salvare alcuna informazione relativa alla conversazione;
– per ragioni di sicurezza i messaggi sono memorizzati localmente sul dispositivo e non vengono neppure salvati nel backup di iCloud (nel caso di iPhone);
– il codice sorgente di Signal è pubblico, secondo la logica dell’open source ed il controllo audit di sicurezza è effettuato da un team indipendente.

Tuttavia, Signal è ancora un’app di nicchia poichè, non permettendo il backup della chat, è destinata ad avere una diffusione piuttosto limitata dato che l’utente medio continuerà a preferire la praticità d’uso e la diffusione rispetto alla sicurezza.

Lascia un commento