0

Il Festival della Bellezza viola il Copyright di Maggie Taylor

Il Festival della Bellezza quest’anno godrà della partecipazione di numerosi ospiti (tra cui Massimo Recalcati, Umberto Galimberti e Stefano Bollani), coinvolti per l’edizione che si svolgerà dall’ 11 al 19 Settembre presso l’Arena di Verona.

Come immagine simbolo dell’evento, oramai da svariate edizioni, è stata scelta l’opera digitale “Donna con vestito d’api” dell’artista statunitense Maggie Taylor, famosa nel mondo per le creazioni grafiche surreali basate su dipinti del XVII secolo.

Peccato che l’artista Maggie Taylor non ne sapesse nulla, al punto da informare i propri fan attraverso i social dell’incredibile violazione di Copyright compiuta dalla manifestazione nazionale.

Ecco la traduzione del testo scritto dall’artista Maggie Taylor:

Un fan del mio lavoro mi ha appena avvisato che un festival a Verona, in Italia, utilizza illegalmente molte delle mie immagini per i loro poster e sito web. È anche controverso: si tratta di un festival sull’eros e la bellezza e stanno usando la mia immagine “Ragazza con un vestito da ape” di una ragazza minorenne. La maggior parte degli oratori al festival è composta da uomini. Se qualcuno conosce un media che potrebbe voler scrivere una storia su questo, per favore mi contatti. Che schifo assistere ad una flagrante violazione del copyright! Si chiama Festival della Bellezza e stanno usando la mia immagine su Facebook e Instagram oltre che sul proprio sito e sui propri prodotti!

Leggendo le dichiarazioni dell’artista si potrebbe dedurre che la violazione è confermata: sia la normativa italiana, con la Legge 633 del 1941, che il Copyright Act americano del 1976 puniscono questi illeciti, tutelando sia i diritti creativi e morali dell’artista (che non può subire manipolazioni dell’opera senza previa autorizzazione) sia quelli patrimoniali, per cui sarà prevedibile il riconoscimento di un risarcimento.

Nel caso di un procedimento d’urgenza ex. art 700 c.p.c. i legali dell’artista potrebbero addirittura chiedere una rimozione immediata, a spese dell’organizzazione del Festival, di tutto il materiale già pubblicato con le immagini dell’arista indebitamente utilizzate.

Le nostre domande agli organizzatori del Festival della Bellezza

1- Possibile che una manifestazione con fondi così ingenti non avesse la possibilità di pagare un grafico per la realizzazione di un’immagine ad hoc?

2- Nel caso in cui abbiate riconosciuto nell’opera di Maggie Taylor un elemento così importante da dover essere integrato nella comunicazione visiva del Festival, perché non è stata contattata l’artista per chiedere una doverosa autorizzazione?

Probabilmente queste domande rimarranno insolute anche se ci aiutano a raccontare in maniera ancora più evidente come le violazioni di Copyright, anche ad alti livelli, siano all’ordine del giorno.

Vuoi tutelare il tuo Copyright? Scrivici per capire come fare in maniera semplice e veloce!

Lascia un commento