0

Il tuo video di protesta non andrà in onda per motivi di Copyright

La polizia statunitense ha imparato un trucco molto scaltro per fare in modo che i propri agenti non finiscano on line sui social, magari in seguito a qualche intervista o dichiarazione non edificante o magari per qualche atteggiamento non particolarmente pacifico durante un’azione di protesta.

Come raccontato in un nostro articolo, per capire come tutto questo risulti possibile bisogna ricordare che Instagram è diventata particolarmente severo con chiunque riproduca materiale coperto da diritto d’autore.
Soprattutto nel caso di video amatoriali con presenza di musica di sottofondo (pensiamo allo streaming di un concerto mandato in diretta dal proprio smartphone), le ripetute violazioni di copyright sulle canzoni possono portare anche ad un blocco o ad una sospensione dell’account.

La polizia di Beverly Hills, famosa città statunitense della contea di Los Angeles, ha ben pensato di sfruttare la policy di Instagram per fare in modo che alcune riprese “non desiderate” venissero bloccate dal social network senza troppi indugi e nel pieno rispetto delle Terms&Conditions.

La modalità è tanto semplice quanto geniale: se un cittadino interagisce con un agente di polizia, magari filmandolo con lo smartphone per mandare successivamente on line il frutto della ripresa video, il poliziotto eseguirà sul proprio telefono ad alto volume una canzone nota (e riconoscibile) che si aggiungerà all’audio della registrazione.
Così facendo, quando il video verrà caricato su Instagram, i filtri del Social Network riconosceranno la canzone coperta da diritto d’autore e bloccheranno il video per violazione di copyright.

In questo video del 16 Gennaio 2021 vediamo l’attivista Sennett Devermont, il cui canale Instagram conta più di 300.000 iscritti, porre domande al poliziotto che inizia a riprodurre Yesterday dei Beatles.

In questo video del 6 Febbraio accade lo stesso, anche qui vediamo come un agente di polizia inizia a riprodurre musica coperta da copyright invece che interagire con l’attivista che gli pone delle legittime domande.

Un comportamento che sembrerebbe inusuale ai più ma che risulta comprensibile alla luce di quanto scritto sino ad ora.

Nick Simmons e Adam Holland, ricercatori del Lumen Database che studia le rimozioni di copyright sui social media, hanno già evidenziato come questa stessa strategia sia stata già utilizzata durante le proteste del movimento Black Lives Matter, con molti social che avevano rimosso i video delle manifestazioni per motivi di tutela del copyright legato alla musica che veniva riprodotta in sottofondo.

Come raccontato a VICE dai due “le forze dell’ordine, o chiunque altro che per motivi di persuasione ideologica che stia cercando di impedire la condivisione online dei video di un particolare evento, devono solo assicurarsi che l’audio protetto da copyright sia presente con chiarezza e a volume sufficientemente riconoscibili sullo sfondo di una protesta o di un altro evento ”


Articolo a cura di Alfredo Esposito

Lascia un commento