www.difesadautore.it
0
UAH [UnleashAnemaHit]

UAH [UnleashAnemaHit] – Produzioni d’Autore

premessa

Lo studio legale Difesa d’Autore ha avuto la fortuna di costruire la propria esperienza “sul campo” con oltre dieci anni di produzioni musicali, eventi e collaborazioni sparse nel settore artistico video e performativo.
Per questo motivo seguiamo spesso (ed è la parte del lavoro che più amiamo!) etichette ed artisti offrendo supporto e consulenza, oltre che in ambito legale, anche negli ulteriori settori di produzione per cui riusciamo a rappresentare un valore aggiunto (come capitato ad esempio il mese scorso con l’uscita del disco di Joe Bastianich & La Terza Classe)

UAH [UnleashAnemaHit]

Abbiamo avuto il piacere di supportare negli ultimi mesi UAH [UnleashAnemaHit], un progetto musicale nato a Napoli e che a Napoli si rivolge con l’utilizzo di un linguaggio che recupera la tradizione partenopea, nel pieno rispetto della real grammatik e pur in presenza di spunti di interessante innovazione.

Già dal nome dell’ultimo EP pubblicato (UAH YOU (2022), che gioca con il “guagliù” – da “guaglione”- napoletano) risultano evidenti i giochi creativi di un progetto variegato sotto ogni punto di vista, e che lo stesso UAH traduce con “un’istantanea ironica e disincantata della società contemporanea: un’opera in cui Napoli diventa il centro e la metafora del mondo che ci circonda, coi suoi contrasti e i suoi chiaroscuri, tra relazioni difficili, precariato, emarginazione, gioco d’azzardo e criminalità.”

UAH [UnleashAnemaHit] è un cantautore che per scelta ha deciso di mostrarsi al pubblico solo attraverso canzoni ed immagini. Forse sarebbe più corretto parlare di collettivo, visto che il suono si discosta dal classico chitarra/voce per arrivare ad elementi sonori che strizzano gli occhi al rap de La Famiglia o ai suoni trap delle ultime produzioni di D-Ross.

C’è in ogni caso da dire che ai suoni di matrice moderna si accompagna un apparato testuale decisamente narrativo, che riporta in voga il concetto di “cantautore”, pur senza seguire lo schema strofa/ritornello, in funzione di un richiamo melodico teatrale spinto dall’utilizzo dell’autotune nei punti in cui l’identità vocale cede il passo alla necessità espressiva. (Dimane Sì / King Kong (Ve voglio bbene assaje)

Anche nel remix di Spaiderman, brano già uscito in originale come singolo in dedica ai rider icone del precariato moderno, si incontrano questi elementi.

Il contributo artistico di Officina Mirabilis ha inoltre bisogno di un commento a parte, visto il corposo lavoro che ha permesso di tradurre visivamente, con scelte di palette, disegni e forme grafiche indovinatissime, la natura di questo progetto anonimo.

A dirla tutta, più che di progetto “anonimo”, termine che dopo Elena Ferrante, Banksy e Liberato ha perso il fascino della novità, potremmo parlare di progetto “sommerso”.

Sommerso in quanto non visibile ma decisamente riconoscibile ed in attesa di emergere ancora, dopo questo primo lancio e in attesa di una nuova produzione.


A proposito, cosa vuole dire Unleash Anema Hit?
La rivista Napulitanamente di L.A. la traduce con “Anima senza guinzaglio“, la libertà che prevede padroni ma che ciò nonostante riesce a non rimanere avvinghiata al proprio destino.
Proprio come UAH.

0

Classi Merceologiche – Registrazione del Marchio

PRODOTTI

Classe 1. Prodotti chimici destinati all’industria, alle scienze, alla fotografia, all’agricoltura, all’orticoltura e alla silvicoltura; resine artificiali allo stato grezzo, materie plastiche allo stato grezzo; concimi per i terreni; composizioni per estinguere il fuoco; preparati per la tempera e la saldatura dei metalli; prodotti chimici destinati a conservare gli alimenti; materie concianti; adesivi (materie collanti) destinati all’industria. Nota esplicativa. La classe 1 comprende essenzialmente i prodotti chimici destinati all’industria, alle scienze e all’agricoltura, compresi quelli che entrano nella composizione di prodotti rientranti in altre classi.

Questa classe comprende in particolare: terricciato, pacciamatura (concime); il sale per conservare, non per uso alimentare.

Questa classe non comprende in particolare: le resine naturali allo stato grezzo (cl. 2); i prodotti chimici destinati alla scienza medica (cl. 5); i fungicidi, erbicidi e i prodotti per la distruzione degli animali nocivi (cl. 5); gli adesivi per cancelleria o uso domestico (cl. l6); il sale per conservare gli alimenti (cl. 30); pacciamatura (copertura del terricciato) (cl. 31).


Classe 2. Colori, vernici, lacche; prodotti preservanti dalla ruggine e dal deterioramento del legno; materie tintorie; mordenti; resine naturali allo stato grezzo; metalli in fogli e in polvere per pittori, decoratori, tipografi e artisti. Nota esplicativa. La classe 2 comprende essenzialmente le pitture, i coloranti e i prodotti di protezione contro la corrosione.

Questa classe comprende in particolare: i colori, le vernici e le lacche per l’industria, l’artigianato e l’arte; i coloranti per la tintura degli indumenti; i coloranti per gli alimenti e le bevande.

Questa classe non comprende in particolare: le resine artificiali allo stato grezzo (cl. 1); i coloranti per il bucato e la sbianca (cl. 3); le tinture cosmetiche (cl. 3); le scatole di pittura (materiale scolastico) (cl. 16); le pitture e le vernici isolanti (cl. l7).


Classe 3. Preparati per la sbianca e altre sostanze per il bucato; preparati per pulire, lucidare, sgrassare e abradere; saponi; profumeria, oli essenziali, cosmetici, lozioni per capelli; dentifrici. Nota esplicativa. La classe 3 comprende essenzialmente i prodotti per pulire e quelli per la toeletta.

Questa classe comprende in particolare: i deodoranti per uso personale (profumeria); i prodotti igienici che sono prodotti di toeletta.

Questa classe non comprende in particolare: i prodotti chimici per la pulizia dei camini (cl. 1); i prodotti di sgrassatura utilizzati durante operazioni di fabbricazione (cl.1); i deodoranti per uso non personale (cl. 5); le pietre da affilare o le mole da affilare a mano (cl. 8).


Classe 4. Oli e grassi industriali; lubrificanti; prodotti per assorbire, bagnare e legare la polvere; combustibili (comprese le benzine per motori) e materie illuminanti; candele e stoppini per illuminazione. Nota esplicativa. La classe 4 comprende essenzialmente gli olii e i grassi industriali, i combustibili e le materie illuminanti.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni olii e grassi industriali speciali (consultare le lista alfabetica dei prodotti).


Classe 5. Prodotti farmaceutici e veterinari; prodotti igienici per scopi medici; sostanze dietetiche per uso medico, alimenti per neonati; impiastri, materiale per fasciature; materiali per otturare i denti e per impronte dentarie; disinfettanti; prodotti per la distruzione degli animali nocivi; fungicidi, erbicidi. Nota esplicativa. La classe 5 comprende essenzialmente i prodotti farmaceutici e gli altri prodotti per uso medico.

Questa classe comprende in particolare: i prodotti igienici per l’igiene intima, che non sono prodotti di toeletta; i deodoranti per uso diverso da quello personale; le sigarette senza tabacco, per uso medico.

Questa classe non comprende in particolare: i prodotti per l’igiene che sono prodotti di toeletta (cl. 3); i deodoranti per uso personale (profumeria) (cl. 3); le fasciature ortopediche (cl. 10).


Classe 6. Metalli comuni e loro leghe; materiali per costruzione metallici; costruzioni trasportabili metalliche; materiali metallici per ferrovie; cavi e fili metallici non elettrici; serrami e chincaglieria metallica; tubi metallici; casseforti; prodotti metallici non compresi in altre classi; minerali. Nota esplicativa. La classe 6 comprende essenzialmente i metalli comuni grezzi e semilavorati nonché i prodotti semplici fabbricati con essi.

Questa classe non comprende in particolare: la bauxite (cl.1); il mercurio, l’antimonio, i metalli alcalini e alcalino-terrosi (cl. 1); i metalli in foglio e in polvere per pittori, decoratori, tipografi e artisti (cl. 2).


Classe 7. Macchine e macchine-utensili; motori (eccetto quelli per veicoli terrestri); giunti e organi di trasmissione (eccetto quelli per veicoli terrestri); strumenti agricoli tranne quelli azionati manualmente; incubatrici per uova. Nota esplicativa. La classe 7 comprende essenzialmente le macchine, le macchine-utensili e i motori.

Questa classe comprende in particolare: le parti di motore (di ogni specie); le macchine e gli apparecchi elettrici di pulizia.

Questa classe non comprende in particolare: alcune macchine e macchine-utensili speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); gli utensili e strumenti azionati manualmente (cl. 8); i motori per veicoli terrestri (cl. 12).


Classe 8. Utensili e strumenti azionati manualmente; articoli di coltelleria, forchette e cucchiai; armi bianche; rasoi. Nota esplicativa. La classe 8 comprende essenzialmente gli utensili e strumenti manuali che fungono da utensili nelle diverse professioni.

Questa classe comprende in particolare: gli articoli di coltelleria, le forchette ed i cucchiai in metalli preziosi; i rasoi, le tosatrici (strumenti manuali) e i tagliaunghie, elettrici.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni strumenti speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); gli utensili e strumenti mossi da motore (cl. 7); la coltelleria chirurgica (cl. 10); i tagliacarte (cl. 16); le armi da scherma (cl. 28).


Classe 9. Apparecchi e strumenti scientifici, nautici, geodetici, fotografici, cinematografici, ottici, di pesata, di misura, di segnalazione, di controllo (ispezione), di soccorso (salvataggio) e d’insegnamento; apparecchi e strumenti per la conduzione, commutazione, trasformazione, accumulazione, regolazione o controllo dell’elettricità; apparecchi per la registrazione, la trasmissione, la riproduzione del suono o delle immagini; supporti di registrazione magnetica, dischi acustici; distributori automatici e meccanismi per apparecchi di prepagamento; registratori di cassa, macchine calcolatrici, corredo per il trattamento dell’informazione e gli elaboratori elettronici; estintori. Nota esplicativa.

Questa classe comprende in particolare: gli apparecchi e strumenti di ricerca scientifica per laboratori; gli apparecchi e strumenti utilizzati per il comando di navi, quali gli apparecchi e strumenti di misura e di trasmissione di ordini; gli apparecchi e strumenti elettrici seguenti : a) taluni utensili e apparecchi elettrotermici, come i saldatori elettrici, i ferri da stiro elettrici che, se non fossero elettrici, apparterrebbero alla classe 8; b) gli apparecchi e dispositivi che, se non fossero elettrici, apparterrebbero ad altre classi, come i vestiti scaldati elettricamente, gli accendisigari per automobili; i rapportatori; le macchine per ufficio a carte perforate; gli apparecchi di divertimento concepiti per essere utilizzati soltanto con un ricevitore di televisione; i programmi informatici e software di qualsiasi tipo e qualunque sia il loro supporto di registrazione o di diffusione, i software registrati su supporti magnetici o scaricabili da una rete informatica esterna.

Questa classe non comprende in particolare: gli apparecchi e strumenti elettrici seguenti: a) gli apparecchi elettromeccanici per la cucina (trituratrici e mescolatrici per alimenti, spremifrutta, macinacaffè elettrici, ecc.), e alcuni altri apparecchi e strumenti azionati da un motore elettrico, che rientrano tutti nella classe 7; b) i rasoi, le tosatrici (strumenti manuali) e i tagliaunghie elettrici (cl. 8); c) gli spazzolini da denti e i pettini elettrici (cl. 2l); d) gli apparecchi elettrici per il riscaldamento dei locali o per scaldare liquidi, per la cottura, la ventilazione, ecc. (cl. 11); orologeria e altri strumenti cronometrici (cl. 14); gli orologi di controllo (cl. 14).


Classe 10. Apparecchi e strumenti chirurgici, medici, dentari e veterinari, membra, occhi e denti artificiali; articoli ortopedici; materiale di sutura. Nota esplicativa. La classe 10 comprende essenzialmente gli apparecchi, strumenti e articoli medici.

Questa classe comprende in particolare: i mobili speciali per uso medico; alcuni articoli igienici in gomma (consultare la lista alfabetica dei prodotti); le fasciature ortopediche.


Classe 11. Apparecchi di illuminazione, di riscaldamento, di produzione di vapore, di cottura, di refrigerazione, di essiccamento, di ventilazione, di distribuzione d’acqua e impianti sanitari. Nota esplicativa.

Questa classe comprende in particolare: gli apparecchi di condizionamento dell’aria; gli scaldaletti, gli scaldini elettrici o non elettrici; i cuscini e le coperte scaldate elettricamente, non per uso medico; i bollitori elettrici; gli utensili di cottura elettrici.

Questa classe non comprende in particolare: gli apparecchi di produzione di vapore (parti di macchine) (cl. 7); i vestiti scaldati elettricamente (cl. 9).


Classe 12. Veicoli; apparecchi di locomozione terrestri, aerei o nautici. Nota esplicativa.

Questa classe comprende in particolare: i motori per veicoli terrestri; i giunti e gli organi di trasmissione per veicoli terrestri; veicoli a cuscino d’aria.

Questa classe non comprende in particolare: alcune parti di veicoli (consultare la lista alfabetica dei prodotti); i materiali metallici per ferrovie (cl. 6); i motori, giunti e organi di trasmissione per veicoli non terrestri (cl. 7); le parti di motore (di ogni specie) (cl. 7).


Classe 13. Armi da fuoco; munizioni e proiettili; esplosivi; fuochi d’artificio. Nota esplicativa. La classe 13 comprende essenzialmente le armi da fuoco e i prodotti pirotecnici.

Questa classe non comprende in particolare: i fiammiferi (cl. 34).


Classe 14. Metalli preziosi e loro leghe e prodotti in tali materie o placcati non compresi in altre classi; gioielleria, pietre preziose; orologeria e strumenti cronometrici. Nota esplicativa. La classe 14 comprende essenzialmente i metalli preziosi, i prodotti fabbricati con queste materie e, in generale, la gioielleria e l’orologeria.

Questa classe comprende in particolare: gli articoli di gioielleria veri i falsi; i gemelli, i fermacravatte.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni prodotti in metalli preziosi (classificati secondo la loro funzione o destinazione) quali ad esempio: i metalli in foglio o in polvere per pittori, decoratori, tipografi e artisti (cl. 2), le amalgame dentarie in oro (cl. 5), la coltelleria, le forchette e i cucchiai (cl. 8), i contatti elettrici (cl. 9), i pennini in oro (cl. 16); gli oggetti d’arte non in metalli preziosi (classificati secondo la materia di cui sono costituiti).


Classe 15. Strumenti musicali.

Questa classe comprende in particolare: i pianoforti meccanici e loro accessori; le scatole musicali; gli strumenti musicali elettrici e elettronici.

Questa classe non comprende in particolare: gli apparecchi per la registrazione, la trasmissione, l’amplificazione e la riproduzione del suono (cl. 9).


Classe 16. Carta, cartone e prodotti in queste materie, non compresi in altre classi; stampati; articoli per legatoria; fotografie; cartoleria; adesivi (materie collanti) per la cartoleria o per uso domestico; materiale per artisti; pennelli; macchine da scrivere e articoli per ufficio (esclusi i mobili); materiale per l’istruzione o l’insegnamento (tranne gli apparecchi); materie plastiche per l’imballaggio (non comprese in altre classi); caratteri tipografici; cliché. Nota esplicativa. La classe 16 comprende essenzialmente la carta, i prodotti di carta e gli articoli per ufficio.

Questa classe comprende in particolare: i tagliacarte; i duplicatori; i fogli, sacchi e sacchetti di plastica, per l’imballaggio.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni prodotti in carta o cartone (consultare la lista alfabetica dei prodotti); i colori (cl. 2); gli utensili manuali per gli artisti (per esempio: spatole, scalpelli per scultori) (cl. 8).


Classe 17. Caucciù, guttaperca, gomma, amianto, mica e prodotti in tali materie non compresi in altre classi; prodotti in materie plastiche semilavorate; materie per turare, stoppare e isolare; tubi flessibili non metallici. Nota esplicativa. La classe 17 comprende essenzialmente gli isolanti elettrici, termici o acustici e le materie plastiche semilavorate, sotto forma di fogli, lastre o bacchette.

Questa classe comprende in particolare: la gomma per il rigeneramento dei pneumatici; le materie di imbottitura in caucciù o in materie plastiche; le barriere galleggianti antinquinamento.


Classe 18. Cuoio e sue imitazioni, articoli in queste materie non compresi in altre classi; pelli di animali; bauli e valigie; ombrelli, ombrelloni e bastoni da passeggio; fruste e articoli di selleria. Nota esplicativa. La classe 18 comprende essenzialmente il cuoio, le sue imitazioni, gli articoli da viaggio non compresi in altre classi e gli articoli di selleria.

Questa classe non comprende in particolare: gli articoli di abbigliamento (consultare la lista alfabetica dei prodotti).


Classe 19. Materiali da costruzione non metallici; tubi rigidi non metallici per la costruzione; asfalto, pece e bitume; costruzioni trasportabili non metalliche; monumenti non metallici. Nota esplicativa. La classe 19 comprende essenzialmente i materiali da costruzione non metallici.

Questa classe comprende in particolare: i legni semilavorati (per esempio: travi, assi, pannelli); i legni impiallacciati; il vetro da costruzione (per esempio: lastre, tegole di vetro); vetro in granuli per segnalazione stradale; le buche delle lettere in muratura.

Questa classe non comprende in particolare: i prodotti per la conservazione o l’impermeabilizzazione del cemento (cl. 1); i prodotti per ignifugare (cl. 1); la pece nera per calzolai (cl. 3).


Classe 20. Mobili, specchi, cornici; prodotti, non compresi in altre classi, in legno, sughero, canna, giunco, vimini, corno, osso, avorio, balena, tartaruga, ambra, madreperla, spuma di mare, succedanei di tutte queste materie o in materie plastiche. Nota esplicativa. La classe 20 comprende essenzialmente i mobili e loro parti e i prodotti in materie plastiche che non sono compresi in altri classi.

Questa classe comprende in particolare: i mobili metallici e i mobili per il campeggio; gli articoli per letti (per esempio: materassi, reti, guanciali); gli specchi di arredamento o di toilette; le targhe di immatricolazione non metalliche; le buche delle lettere né in metallo né in muratura.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni specchi speciali classificati secondo la loro funzione o destinazione (consultare la lista alfabetica dei prodotti); i mobili speciali per laboratori (cl. 9); i mobili speciali per uso medico (cl. 10); la biancheria da letto (cl. 24); i piumini (copri-piedi di piume) (cl. 24).


Classe 21. Utensili e recipienti per il governo della casa o la cucina (né in metalli preziosi, né in placcato); pettini e spugne; spazzole (ad eccezione dei pennelli); materiali per la fabbricazione di spazzole; materiale per pulizia; paglia di ferro; vetro grezzo o semilavorato (tranne il vetro da costruzione); vetreria, porcellana e maiolica non comprese in altre classi. Nota esplicativa. La classe 21 comprende essenzialmente i piccoli utensili e apparecchi per le faccende domestiche e la cucina, azionati manualmente, nonché gli utensili di toilette, la vetreria e gli articoli di porcellana.

Questa classe comprende in particolare: gli utensili e i recipienti per le faccende domestiche e la cucina, come ad esempio: batteria da cucina, secchi, bacinelle di latta, alluminio, plastica o altre materie, piccoli apparecchi per triturare, macinare, spremere, ecc., azionati manualmente; gli spegnitoi in metalli non preziosi; i pettini elettrici; gli spazzolini da denti elettrici; i sottopiatti e sottobottiglia (stoviglie).

Questa classe non comprende in particolare: alcuni prodotti di vetro, porcellana e maiolica (consultare la lista alfabetica dei prodotti); i prodotti per la pulizia, saponi, ecc. (cl. 3); i piccoli apparecchi per tritare, macinare, spremere, ecc., azionati elettricamente (cl. 7); i rasoi e apparecchi per radere, tosacapelli, strumenti di metallo per manicure e pedicure (cl. 8); gli utensili di cottura elettrici (cl. 11); gli specchi per la toilette (cl. 20).


Classe 22. Corde, spaghi, reti, tende, teloni, vele, sacchi (non compresi in altre classi); materiale d’imbottitura (tranne il caucciù o le materie plastiche); fibre tessili grezze. Nota esplicativa. La classe 22 comprende essenzialmente i prodotti di corderia e di veleria, i materiali d’imbottitura e le materiale tessili fibrose grezze.

Questa classe comprende in particolare: le corde e gli spaghi in fibra tessile naturale o artificiale, in carta o materia plastica.

Questa classe non comprende in particolare: alcune reti e sacchi speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); le corde per strumenti musicali (cl. 15); i veli per abiti (cl. 25).


Classe 23. Fili per uso tessile.


Classe 24. Tessuti e prodotti tessili non compresi in altre classi; coperte da letto e copritavoli. Nota esplicativa. La classe 24 comprende essenzialmente i tessuti e le coperte.

Questa classe comprende in particolare: la biancheria da letto di carta.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni tessuti speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); le termocoperte per uso medico (cl. 10), e non per uso medico (cl. 11); la biancheria da tavola in carta (cl. 16); le coperte per cavalli (cl. 18).


Classe 25. Articoli di abbigliamento, scarpe, cappelleria.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni vestiti e scarpe speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti).


Classe 26. Merletti, pizzi e ricami, nastri e lacci; bottoni, ganci e occhielli, spille e aghi; fiori artificiali. Nota esplicativa. La classe 26 comprende essenzialmente gli articoli di merceria e passamaneria.

Questa classe comprende in particolare: le cerniere lampo.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni ganci speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); alcuni aghi speciali (consultare la lista alfabetica dei prodotti); i fili per uso tessile (cl. 23).


Classe 27. Tappeti, zerbini, stuoie, linoleum e altri rivestimenti per pavimenti; tappezzerie in materie non tessili. Nota esplicativa. La classe 27 comprende essenzialmente i prodotti destinati a ricoprire o a rivestire, a scopo di arredamento, i pavimenti o i muri già costruiti.


Classe 28. Giochi, giocattoli; articoli per la ginnastica e lo sport non compresi in altre classi; decorazioni per alberi di Natale.

Questa classe comprende in particolare: gli articoli per la pesca; gli arnesi per sport e giochi vari.

Questa classe non comprende in particolare: le candele per alberi di Natale (cl. 4); l’equipaggiamento dei sommozzatori (cl. 9); gli apparecchi di divertimento concepiti per essere utilizzati soltanto con un ricevitore di televisione (cl. 9); le lampadine (ghirlande) elettriche per alberi di Natale (cl. 11); le reti da pesca (cl. 22); l’abbigliamento per la ginnastica e lo sport (cl. 25); dolciumi e prodotti di cioccolato per alberi di Natale (cl. 30).


Classe 29. Carne, pesce, pollame e selvaggina; estratti di carne; frutta e ortaggi conservati, essiccati e cotti; gelatine, marmellate, composte; uova, latte e prodotti derivati dal latte; oli e grassi commestibili. Nota esplicativa. La classe 29 comprende essenzialmente le derrate alimentari di origine animale, nonché le verdure e altri prodotti orticoli commestibili preparati per la consumazione o la conservazione.

Questa classe comprende in particolare: le bevande a base di latte nelle quali predomina il latte.

Questa classe non comprende in particolare: alcuni prodotti alimentari di origine vegetale (consultare la lista alfabetica dei prodotti); gli alimenti per neonati (cl. 5); i prodotti dietetici per uso medico (cl. 5); le salse per insalata (cl. 30); le uova da covare (cl. 31); gli alimenti per gli animali (cl. 31); gli animali vivi (cl. 31).


Classe 30. Caffè, tè, cacao, zucchero, riso, tapioca, sago, succedanei del caffè; farine e preparati fatti di cereali, pane, pasticceria e confetteria, gelati; miele, sciroppo di melassa; lievito, polvere per fare lievitare; sale, senape; aceto, salse (condimenti); spezie; ghiaccio. Nota esplicativa. La classe 30 comprende essenzialmente le derrate alimentari di origine vegetale preparate per il consumo o la conservazione, nonché gli additivi destinati a migliorare il sapore degli alimenti.

Questa classe comprende in particolare: le bevande a base di caffè, cacao o cioccolato; i cereali preparati per l’alimentazione dell’uomo (per esempio: fiocchi d’avena o di altri cereali).

Questa classe non comprende in particolare: alcuni prodotti alimentari di origine vegetale (consultare la lista alfabetica dei prodotti); il sale per conservare, non per uso alimentare (cl. 1); le infusioni medicinali e i prodotti dietetici per uso medico (cl. 5); gli alimenti per neonati (cl. 5); i cereali grezzi (cl. 31); gli alimenti per gli animali (cl. 31).


Classe 31. Prodotti agricoli, orticoli, forestali e granaglie, non compresi in altre classi; animali vivi; frutta e ortaggi freschi; sementi, piante e fiori naturali; alimenti per gli animali, malto. Nota esplicativa. La classe 31 comprende essenzialmente i prodotti della terra che non hanno subito alcuna preparazione per la consumazione, gli animali vivi e le piante vive nonché gli alimenti per gli animali.

Questa classe comprende in particolare: i legni grezzi; i cereali grezzi; le uova da covare; i molluschi e i crostacei vivi.

Questa classe non comprende in particolare: le colture di microrganismi e le sanguisughe per uso medico (cl. 5); i legni semilavorati (cl. 19); le esche artificiali per la pesca (cl. 28); il riso (cl. 30); il tabacco (cl. 34).


Classe 32. Birre; acque minerali e gassose e altre bevande analcoliche; bevande di frutta e succhi di frutta; sciroppi e altri preparati per fare bevande. Nota esplicativa. La classe 32 comprende essenzialmente le bevande analcoliche nonché le birre.

Questa classe comprende in particolare: le bevande disalcoolizzate.

Questa classe non comprende in particolare: le bevande per uso medico (cl. 5); le bevande a base di latte nelle quali il latte predomina (cl. 29); le bevande a base di cacao, caffè o cioccolato (cl. 30).


Classe 33. Bevande alcoliche (tranne le birre). Questa classe non comprende in particolare: le pozioni medicinali (cl. 5); le bevande disalcoolizzate (cl. 32).


Classe 34. Tabacco; articoli per fumatori; fiammiferi. Nota esplicativa.

Questa classe comprende in particolare: i succedanei del tabacco (non per uso medico).

Questa classe non comprende in particolare: le sigarette senza tabacco, per uso medico (cl. 5); alcuni articoli per fumatori in metalli preziosi (cl. 14) (consultare la lista alfabetica dei prodotti).


SERVIZI

Classe 35. Pubblicità; gestione di affari commerciali; amministrazione commerciale; lavori di ufficio. Nota esplicativa. La classe 35 comprende essenzialmente i servizi resi da persone o da organizzazioni il cui scopo principale è: 1) l’aiuto nell’esercizio o la direzione di un’azienda commerciale o 2) l’aiuto nella direzione degli affari o delle funzioni commerciali di un’azienda industriale o commerciale, nonché i servizi di imprese di pubblicità che si incaricano essenzialmente di comunicati al pubblico, di dichiarazioni o di annunzi concernenti ogni genere di merci o di servizi.

Questa classe comprende in particolare: i servizi che comportano il raggruppamento, per conto terzi, di una varietà di prodotti (eccetto il loro trasporto) tali da consentire al consumatore una agevole vista ai fini del loro acquisto; i servizi che comportano la registrazione, la trascrizione, la composizione, la compilazione, l’ordinamento sistematico di comunicati scritte e di registrazioni nonché la gestione o la compilazione di dati matematici o statistici; i servizi delle agenzie di pubblicità nonché i servizi quali la distribuzione di prospetti, direttamente o a mezzo posta, o la distribuzione di campioni. Questa classe può riferirsi alla pubblicità concernente altri servizi, come quelli concernenti prestiti bancari o la pubblicità radiofonica.

Questa classe non comprende in particolare: l’attività di un’azienda la cui funzione primordiale è la vendita di merci, cioè di un’azienda detta commerciale; i servizi quali le stime e perizie d’ingegneri che non sono in diretta relazione con l’esercizio o la direzione degli affari di un’azienda commerciale o industriale (consultare la lista alfabetica dei servizi).


Classe 36. Assicurazioni; affari finanziari; affari monetari; affari immobiliari. Nota esplicativa. La classe 36 comprende essenzialmente i servizi resi negli affari finanziari e monetari e i servizi resi in relazione a contratti di assicurazione di ogni genere.

Questa classe comprende in particolare: i servizi relativi agli affari finanziari o monetari, cioè: a) i servizi di tutti gli istituti bancari o enti in relazione con essi, come le agenzie di cambio o i servizi di compensazione; b) i servizi di istituti di credito diversi dalle banche, come associazioni cooperative di credito, compagnie finanziarie individuali, prestatori di denaro, ecc.; c) i servizi degli “investment trusts”, delle compagnie “holding”; d) i servizi dei mediatori di valori o di beni; e) i servizi in relazione con gli affari monetari, assicurati da agenti fiduciari; f) i servizi resi in relazione all’emissione di assegni turistici e di lettere di credito; i servizi di amministratori di immobili, cioè i servizi di locazione, di stima di beni immobiliari o di finanziatori; i servizi in relazione con le assicurazioni, quali i servizi resi da agenti o mediatori che si occupano di assicurazioni, i servizi resi agli assicurati e i servizi di sottoscrizione di assicurazioni.


Classe 37. Costruzione; riparazione; servizi d’installazione. Nota esplicativa. La classe 37 comprende essenzialmente i servizi resi da imprenditori o subappaltatori nella costruzione o fabbricazione di edifici permanenti, nonché i servizi resi da persone o da organizzazioni che si occupano del ripristino di oggetti o della loro preservazione senza alterarne le proprietà fisiche o chimiche.

Questa classe comprende in particolare: i servizi riferitesi alla costruzione di edifici, di strade, di ponti, di dighe o linee di trasmissione, e ai servizi delle imprese specializzate nel ramo della costruzione, come quelle dei pittori, idraulici, installatori di impianti di riscaldamento o conciatetti; i servizi annessi ai servizi di costruzione, come la verifica dei progetti di costruzione; i servizi di costruzione navale; i servizi di noleggio di attrezzi o di materiale da costruzione; i servizi di riparazione, e cioè i servizi diretti a rimettere in buono stato un oggetto logorato, danneggiato, deteriorato o distrutto parzialmente (ripristino di un edificio o di un altro oggetto esistente diventato imperfetto); i servizi di riparazione, nei rami dell’elettricità, dei mobili, degli strumenti e degli utensili, ecc.; i servizi di manutenzione che mirano al mantenimento di un oggetto nella sua condizione originale senza modificare alcuna delle sue proprietà (per quanto riguarda la distinzione tra questa classe e la classe 40, vedasi la nota esplicativa della classe 40).

Questa classe non comprende in particolare: i servizi d’immagazzinamento di merci come gli indumenti o i veicoli (cl. 39); i servizi relativi alla tintura di tessuti o di indumenti (cl. 40).


Classe 38. Telecomunicazioni. Nota esplicativa. La classe 38 comprende essenzialmente i servizi che permettono ad almeno una persona di comunicare con un’altra mediante un mezzo sensoriale. Tali servizi comprendono quelli che: 1) permettono ad una persona di conversare con un’altra, 2) trasmettono messaggi da una persona ad un’altra e 3) mettono una persona in comunicazione orale o visiva con un’altra (radio e televisione).

Questa classe comprende in particolare: i servizi che consistono essenzialmente nel diffondere dei programmi radiofonici o televisivi.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi di pubblicità radiofonica (cl. 35).


Classe 39. Trasporto; imballaggio e deposito di merci; organizzazione di viaggi. Nota esplicativa. La classe 39 comprende essenzialmente i servizi resi trasportando persone o merci da un luogo ad un altro (per ferrovia, su strada, per via d’acqua, per via aerea o in condotte “pipeline”) e i servizi necessariamente in relazione con questi trasporti, quali i servizi riferitesi all’immagazzinamento di merci in un deposito o in un altro edificio in vista della loro preservazione o custodia.

Questa classe comprende in particolare: i servizi resi da società esercenti stazioni, ponti, trasbordadori (rail-road ferries), ecc., utilizzati da chi effettua il trasporto; i servizi in relazione con il noleggio di veicoli da trasporto; i servizi in relazione con il rimorchio marittimo, lo scarico, l’esercizio dei porti e delle banchine e il salvataggio di navi in pericolo e del loro carico; i servizi in relazione con l’esercizio di aeroporti; i servizi in relazione con l’imballaggio di merci prima della spedizione; i servizi consistenti in informazioni relative ai viaggi o al trasporto delle merci fornite da mediatori e da agenzie turistiche, informazioni concernenti le tariffe, gli orari e i generi di trasporto; i servizi relativi al controllo di veicoli e di merci prima del trasporto.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi relativi alla pubblicità delle imprese di trasporto, quali la distribuzione di prospetti o la pubblicità radiofonica (cl. 35); i servizi relativi all’emissione di assegni turistici o di lettere di credito da parte di mediatori o di agenzie di viaggio (cl. 36); i servizi relativi alle assicurazioni (commerciali, incendio o vita) durante il trasporto di persone o di merci (cl. 36); i servizi resi dalla manutenzione e riparazione di veicoli, né la manutenzione o la riparazione di oggetti riguardanti il trasporto di persone o di merci (cl. 37); i servizi relativi alla prenotazione di camere d’albergo da parte di agenzie di viaggio o di mediatori (cl. 43).


Classe 40. Trattamento di materiali. Nota esplicativa. La classe 40 comprende essenzialmente i servizi , non enumerati in altre classi, resi mediante il trattamento o la trasformazione meccanica o chimica di sostanze inorganiche o organiche o di oggetti. Per la necessità della classificazione, il marchio è considerato marchio di servizio unicamente nei casi in cui il trattamento o la trasformazione sono eseguiti per conto di un’altra persona. Per le medesime necessità della classificazione, il marchio è considerato marchio di fabbrica in tutti gli altri casi, in cui la sostanza o l’oggetto è posto in commercio da chi l’ha trattato o trasformato.

Questa classe comprende in particolare: i servizi relativi alla trasformazione di un oggetto o di una sostanza e ogni trattamento implicante una modifica delle loro proprietà essenziali (per esempio, la tintura di un indumento); un servizio di manutenzione, quantunque normalmente compreso nella classe 37, sarà disposto conseguentemente nella classe 40 se esso implica tale modifica (per esempio la cromatura dei paraurti di un’automobile); i servizi di trattamento di materiali che possono svolgersi durante la fabbricazione di una sostanza o di un oggetto qualunque che non sia un edificio; per esempio, i servizi relativi al taglio, alla formatura, alla levigatura mediante abrasione o al rivestimento metallico.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi di riparazione (cl. 37).


Classe 41. Educazione; formazione; divertimento; attività sportive e culturali. Nota esplicativa. La classe 41 comprende essenzialmente i servizi resi da persone o da istituzioni per sviluppare le facoltà mentali di persone o di animali, nonché i servizi destinati a divertire o ad occupare l’attenzione.

Questa classe comprende in particolare: i servizi di educazione di individui o di addestramento di animali, sotto tutte le forme; i servizi il cui scopo essenziale è lo svago, il divertimento o la ricreazione di individui.


Classe 42. Servizi scientifici e tecnologici e servizi di ricerca e progettazione ad essi relativi; servizi di analisi e di ricerche industriali; progettazione e sviluppo di hardware e software; servizi giuridici. Nota esplicativa. La classe 42 comprende essenzialmente i servizi resi da persone, individualmente o collettivamente, in relazione con gli aspetti teorici o pratici di settori complessi di attività; tali servizi sono resi da professionisti come chimici, fisici, ingegneri, informatici, giuristi, ecc.

Questa classe comprende in particolare: i servizi d’ingegneri che si incaricano di valutazioni, di stime, di ricerche e di perizie nel campo scientifico e tecnologico; i servizi di ricerca scientifica per scopi medici.

Questa classe non comprende in particolare: le ricerche e valutazioni in materia di affari commerciali (cl. 35); i servizi di trattamento di testi e di gestione di archivi informatici (cl. 35); le valutazioni in materia finanziaria e fiscale (cl. 36); i servizi di estrazione mineraria e petrolifera (cl. 37); i servizi d’installazione e di riparazione di computers (cl. 37); i servizi resi da professionisti come medici, veterinari, psicoanalisti (cl. 44); i servizi di cure mediche (cl. 44); i servizi resi da giardinieri paesaggisti (cl. 44).


Classe 43. Ristorazione (alimentazione); alloggi temporanei. Nota esplicativa. La classe 43 comprende essenzialmente i servizi resi da persone o esercizi il cui scopo è di preparare alimenti e bevande per il consumo, nonché i servizi resi procurando alloggio, vitto e alloggio, da alberghi, pensioni o altri esercizi che procurano alloggi temporanei.

Questa classe comprende in particolare: i servizi di prenotazione di alloggi per viaggiatori, resi in particolare da agenzie di viaggio o da mediatori; le pensioni per animali.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi di affitto di beni immobili quali case, appartamenti, ecc. destinati ad un uso permanente (cl. 36); i servizi di organizzazione di viaggi resi da resi da agenzie di turismo (cl. 39); i servizi di conservazione di alimenti e bevande (cl. 40); i servizi di discoteche (cl. 41); i pensionati (cl. 41); le case di riposo e di convalescenza (cl. 44).


Classe 44. Servizi medici; servizi veterinari; cure d’igiene e di bellezza per l’uomo e gli animali; servizi di agricoltura, orticoltura e silvicoltura. Nota esplicativa. La classe 44 comprende essenzialmente le cure mediche, d’igiene e di bellezza rese da persone o imprese destinate all’uomo e agli animali; essa comprende anche i servizi relativi al settore dell’agricoltura, dell’orticoltura e della silvicoltura.

Questa classe comprende in particolare: i servizi di analisi mediche in relazione con la cura delle persone (quali gli esami radiografici e i prelievi di sangue); i servizi di inseminazione artificiale; le consulenze in materia di farmacia; l’allevamento di animali; i servizi relativi alla coltivazione di piante come il giardinaggio; i servizi relativi all’arte floreale come la composizione floreale, nonché i servizi resi da giardinieri paesaggisti.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi di distruzione degli animali nocivi (eccetto per l’agricoltura, l’orticoltura e la silvicoltura) (cl. 37); i servizi di installazione e riparazione di dispositivi di irrigazione (cl. 37); i servizi di trasporto in ambulanza (cl. 39); i servizi di macellazione e di tassidermia (cl. 40); i servizi di abbattimento e taglio del legname (cl. 40); i servizi di addestramento di animali (cl. 41); i servizi resi da clubs di cultura fisica (cl. 41); i servizi di ricerca scientifica per scopi medici (cl. 42); le pensioni per animali (cl. 43); le case di riposo per anziani (cl. 43).


Classe 45. Servizi personali e sociali resi da terzi destinati a soddisfare necessità individuali; servizi di sicurezza per la protezione di beni e persone.

Questa classe comprende in particolare: i servizi di indagine e di sorveglianza relativi alla sicurezza delle persone e delle collettività; i servizi resi a favore di persone in relazione ad avvenimenti sociali come i servizi di accompagnamento in società, le agenzie matrimoniali, i servizi funebri.

Questa classe non comprende in particolare: i servizi professionali che danno un aiuto diretto nelle operazioni o funzioni di un’impresa commerciale (cl. 35); i servizi in relazione con gli affari finanziari o monetari e i servizi in relazione con le assicurazioni (cl. 36); i servizi di accompagnamento di viaggiatori (cl. 39); i servizi di trasporto di sicurezza (cl. 39); i servizi di educazione di individui, in ogni loro forma (cl. 41); le prestazioni di cantanti o ballerini (cl. 41); i servizi giuridici (cl. 42); i servizi resi da terzi che assicurano cure mediche, d’igiene e di bellezza destinate all’uomo e agli animali (cl. 44); alcuni servizi di noleggio (consultare la lista alfabetica dei servizi e l’Osservazione Generale (b) relativa alla classificazione dei servizi).

0

AIRILegal

L’orientamento legale per i ricercatori italiani all’estero

Mercoledì 31 marzo, alle ore 20 sarà presentato attraverso un talk su brevetti scientifici, diritto d’autore e fake news il nuovo servizio di orientamento giuridico AIRI LEGAL, dedicato ai soci di AIRIcerca, l’Associazione Internazionale dei Ricercatori Italiani.

𝐴𝐼𝑅𝐼 𝐿𝐸𝐺𝐴𝐿 𝑠𝑖 𝑝𝑜𝑛𝑒 𝑙’𝑜𝑏𝑖𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑜 𝑑𝑖 𝑓𝑜𝑟𝑛𝑖𝑟𝑒 𝑎𝑔𝑙𝑖 𝑖𝑠𝑐𝑟𝑖𝑡𝑡𝑖 𝑑𝑖 𝐴𝐼𝑅𝐼𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎 𝑜𝑟𝑖𝑒𝑛𝑡𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑙𝑒𝑔𝑎𝑙𝑒 𝑠𝑢 𝑝𝑟𝑜𝑏𝑙𝑒𝑚𝑎𝑡𝑖𝑐ℎ𝑒 𝑟𝑖𝑔𝑢𝑎𝑟𝑑𝑎𝑛𝑡𝑖 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑖𝑛 𝑚𝑎𝑡𝑒𝑟𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑟𝑖𝑡𝑡𝑜 𝑑’𝑎𝑢𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑒 𝑑𝑖𝑟𝑖𝑡𝑡𝑜 𝑖𝑛𝑑𝑢𝑠𝑡𝑟𝑖𝑎𝑙𝑒.
𝐸𝑠𝑝𝑒𝑟𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑢𝑙𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑑𝑒𝑙 𝑡𝑒𝑎𝑚 𝑑𝑖 𝐷𝑖𝑓𝑒𝑠𝑎 𝐷’𝐴𝑢𝑡𝑜𝑟𝑒, 𝑟𝑒𝑎𝑙𝑡𝑎̀ 𝑛𝑎𝑡𝑎 𝑎 𝑁𝑎𝑝𝑜𝑙𝑖 𝑛𝑒𝑙 2018 𝑒 𝑜𝑝𝑒𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑡𝑟𝑎 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑖 𝑖 𝑝𝑎𝑒𝑠𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑈𝑛𝑖𝑜𝑛𝑒 𝐸𝑢𝑟𝑜𝑝𝑒𝑎 𝑐𝑜𝑛 𝑠𝑝𝑒𝑐𝑖𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑖𝑛 𝑑𝑖𝑟𝑖𝑡𝑡𝑖 𝑑𝑖𝑔𝑖𝑡𝑎𝑙𝑖, 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖𝑒𝑡𝑎̀ 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑙𝑙𝑒𝑡𝑡𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑒 𝑟𝑒𝑎𝑡𝑖 𝑖𝑛𝑓𝑜𝑟𝑚𝑎𝑡𝑖𝑐𝑖, 𝑎𝑐𝑐𝑜𝑚𝑝𝑎𝑔𝑛𝑒𝑟𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑒 𝑠𝑜𝑠𝑡𝑒𝑟𝑟𝑎𝑛𝑛𝑜, 𝑐𝑜𝑛 𝑙𝑒 𝑙𝑜𝑟𝑜 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑢𝑙𝑒𝑛𝑧𝑒, 𝑖𝑙 𝑙𝑎𝑣𝑜𝑟𝑜 𝑑𝑒𝑖 𝑟𝑖𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎𝑡𝑜𝑟𝑖, 𝑐ℎ𝑒 𝑝𝑜𝑡𝑟𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑐𝑜𝑠𝑖̀ 𝑎𝑝𝑝𝑟𝑜𝑓𝑜𝑛𝑑𝑖𝑟𝑒 𝑎𝑠𝑝𝑒𝑡𝑡𝑖 𝑙𝑒𝑔𝑎𝑡𝑖 𝑎𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖 𝑑𝑖𝑟𝑖𝑡𝑡𝑖 𝑒 𝑎𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑓𝑖𝑙𝑖 𝑔𝑖𝑢𝑟𝑖𝑑𝑖𝑐𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑛𝑒𝑠𝑠𝑖 𝑎 𝑐𝑟𝑢𝑐𝑖𝑎𝑙𝑖 𝑎𝑠𝑝𝑒𝑡𝑡𝑖 𝑑𝑒𝑙 𝑙𝑜𝑟𝑜 𝑜𝑝𝑒𝑟𝑎𝑡𝑜.

 La giornalista Zeina Ayache modererà l’incontro tra Luca Cassetta, presidente e co-fondatore di AIRIcerca, e Alfredo Esposito, fondatore di Difesa D’Autore.

L’appuntamento potrà essere seguito in diretta sulle pagine Facebook di AIRIcerca e Difesa D’Autore.

 L’illustratrice Valentina Vinci ha prodotto per l’evento un’opera d’arte digitale, mixando disegni realizzati a mano ed elementi tipografici originali.

Luca Cassetta è Capo Unità all’Università di Edimburgo da marzo 2020.


Dopo la laurea in Biotecnologie Industriali conseguita presso l’Università di Milano – Bicocca, e un dottorato all’Università Vita Salute San Raffaele di Milano, è approdato a New York, all’Albert Einstein Medical College per un progetto sull’immunologia dei tumori.

Alfredo Esposito è consulente legale ed aziendale.

Dopo aver conseguito nel 2012 la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e dopo numerose esperienze lavorative in Italia e in UK, si specializza, in ambito civile, nel settore del diritto d’autore e della proprietà intellettuale, fondando l’associazione Subcava Sonora e collaborando con la start up Patamu, e in ambito penale prevalentemente nel settore dei reati informatici.

Evento FB: https://www.facebook.com/events/301217014772008/

0

10.000 FLASH (MOB) a tutela del diritto d’autore

Intervista ad Anna Abet (TauVisual) del Cordinamento delle Associazioni di Fotografi Professionisti

Suscita notevole interesse la manifestazione 10.000 FLASH PER UN FLASH MOB organizzata in oltre 20 città italiane dal
Coordinamento delle Associazioni di Fotografi Professionisti, che raggruppa oltre diecimila fotografi professionisti in tutta Italia.

A Napoli, i flash dei fotografi illumineranno Piazza San Domenico per tre minuti dalle 22,00 alle 22,03 di martedì 21 Luglio 2020 per supportare la campagna nazionale che vede impegnati oltre 10.000 fotografi in tutta Italia con l’hashtag #IoLavoroConLaFotografia

Anche i fotografi napoletani, documentaristi, fotogiornalisti, di architettura e cerimonialisti, hanno aderito alla campagna che da oltre un mese è presente sui social con le foto marcate da una C di Copyright infranta, per denunciare l’appropriazione indebita che si opera sul web.

Anna Abet – Coordinamento delle Associazioni di Fotografi Professionisti

Quello dell’appropriazione delle foto altrui è una pratica all’ordine del giorno sul web (di cui abbiamo discusso nel format Inner Talks insieme ai fotografi Paolo Manzo e Glauco Canalis) e molto spesso si conosce la possibilità effettiva con cui rivalersi nei confronti della maggior parte degli utenti che effettuano queste violazioni.

La manifestazione 10.000 flash lavora proverà quindi a sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla funzione irrinunciabile della fotografia come mezzo di comunicazione e sul rispetto dei diritti d’autore che ne derivano.

1 2 3 6
Call Now Button